Chi siamo?

di Eufemio

Il populismo si aggira per l’Europa, ma in Italia, come il vampiro sul far del giorno, arretra. L’orda populista, dove avanza, riempie le piazze e svuota la politica. Non interpreta e non cambia le storture del mondo, le incrementa. Pretende tutto nel minimo tempo e con la minima fatica. In Italia invece il voto popolare ha scelto la ‘rottamazione’ per via istituzionale, calcolando costi e benefici di un voto dagli esiti incerti e pericolosi, premiando una forza progressista e al governo nonostante i suoi infiniti travagli e terremoti. Chi lo avrebbe mai immaginato in questa misura? L’Italia pare così essersi risvegliata da incubi e presagi funesti. Siamo contenti, ma non pienamente soddisfatti, ora abbiamo bisogno di grandi pensieri, di grandi speranze oltre ai conti della serva. Continua a leggere

Le idee. Giovanni Jervis, Contro il sentito dire

di Lev

A cinque anni dalla morte, esce per Bollati Boringhieri a cura di Massimo Marraffa una raccolta di saggi di Giovanni Jervis dal titolo: Contro il sentito dire. Psicoanalisi, psichiatria, politica. Non troppo noto al grande pubblico, Jervis (1933 – 2009) è stato un intellettuale italiano l’ambito dei cui interessi si muoveva (come riporta il sottotitolo del volume) tra psicoanalisi, psichiatria e politica. Ma si potrebbe forse articolare meglio questa prima definizione nella formula: la ricerca di un’antropologia per l’ideazione quanto possibile realistica di una società buona. Questo, ci sembra, il progetto intellettuale complessivo di Jervis.

Continua a leggere

Partigiani nuovi e vecchi. Per una nuova resistenza

di N. Barbato

La resistenza come condizione esistenziale. La resistenza come missione, mito o, in alcuni casi, feticcio. Tante le sue forme politiche, quanti i fronti di conflitto latente che dividono il nostro paese: tra memorie non condivise di una nazione, opposti giudizi sul presente e sul recentissimo passato della nostra democrazia, idee che immaginano un futuro diverso per la nostra Costituzione.

Continua a leggere

La diseguaglianza conta. Contiamo la diseguaglianza

di Pasquale Terracciano

Negli ultimi giorni i quotidiani si sono accorti che l’un per cento della popolazione guadagna come legioni di operai e che Bill Gates potrebbe essere il primo a raggiungere il patrimonio di un milione di un milione (cioè un trilione) di dollari nel 2039. Queste notizie nascono da un riflesso editoriale: si ricollegano infatti al successo della traduzione inglese del testo di un economista parigino, Thomas Piketty – Le capital au XXI siècle. Continua a leggere

Zhejiangtown: la comunità cinese di Prato oltre i luoghi comuni

di Dongbo Wang

Quando parliamo della comunità cinese di Prato bisogna prima conoscere chi sono questi cittadini. Vengono dal sud della Cina, la zona di Wenzhou nella provincia di Zhejiang, a circa 600 Km da Shanghai. È una zona ostile all’agricoltura, sovrappopolata, isolata geograficamente e per diversi anni anche politicamente.  Continua a leggere